StreetArt, Arte Madonnara, 3D

The art of Pavement is an ephemeral art. This term, which is derived from the Latin ephemerus and that means “that lasts only one day,” it emphasizes the non-permanent aspect of painting by asphalt. The paintings of pavement artists are in fact made of dusty materials and are subjected to the climate. A shower can wash away the works and then … .i madonnari resume patiently for the work from the start. And ‘in Grazie di Curtatone (Mantua, Italy), which for the first time the street performers are officially called’ madonnari ‘, and where the madonnara art has found a broad discussion on what characterizes it. The Art of pavement artists born as Christian Art, Art “sacred” to the topics but also for the “sacrifice” that they themselves perform in painting, leaning on the asphalt, blending with fingertips. Outside the territory of Mantua instead it has developed with other issues, which often have their roots in the cultures of the areas in which are held the various festivals gatherings. Often, for reasons of timing, for the sole use of the plaster is associated with a liquid medium, pigments with water or distempers, and in this case we enter the largest field of streetart which sees the left of the traditional designs the use of more specific techniques, especially in the drawing and in perspective, for the execution of 3D. Which it was introduced just Thanks to Kurt Wenner.

L’arte dei Madonnari è un Arte effimera. Con questo termine,che deriva dal latino ephemerus e che significa “ciò dura un solo giorno”, si sottolinea l’aspetto non permanente della pittura da asfalto. I dipinti dei madonnari sono infatti realizzati con materiali polverosi e sono sottoposti al clima. Un acquazzone può lavar via le opere e allora….i madonnari riprendono con pazienza il lavoro dall’inizio. E’ a Grazie di Curtatone, (Mantova- Italia), che per la prima volta gli artisti di strada vengono ufficialmente chiamati ‘madonnari’ , e dove l’arte madonnara ha trovato un largo confronto su ciò che la caratterizza. L’Arte dei Madonnari nasce come Arte Cristiana, arte “sacra” per i temi trattati ma anche per il “sacrificio” che essi stessi compiono nel dipingere, chini sull’asfalto, sfumando con i polpastrelli. Al di fuori del territorio mantovano invece si è sviluppata con altre tematiche, che spesso affondano le radici nelle culture delle zone in cui si tengono i vari raduni festival. Spesso, per ragioni di tempistiche, al solo uso del gesso viene associato un mezzo liquido, pigmenti con acqua o tempere, e in questo caso entriamo nel campo più grande della streetart che vede di fianco ai disegni tradizionali l’uso di tecniche più specifiche, soprattutto nel disegno e nella prospettiva, per l’esecuzione dei 3D. Che venne introdotto proprio a Grazie da Kurt Wenner.

Annunci