Prayer for broken lives – Preghiera per le vite spezzate

Artwork realized for th 46th national Madonnari’s meeting in “Grazie di Curtatone”.
“Preghiera per le vite spezzate” (Prayer for broken lives)
Children are our past and our future. Every day, many of their lives are broken, unfairly taken from wars and diseases, drowned, children are beaten or never born…. and those lives are far too early broken.
This piece mixes two styles of Madannari’s art: the classic 2D, which is used to draw the Madonna delle Grazie’s icon, and the more recent 3D, which is used for the anamorphic composition to show two children angels, drawn as human in the upper body and then vanishing into angels.
Translate by Alessandra Vidili
Annunci

Intervista Radiofonica – Radio Interview

Ecco un sunto della mia intervista radiofonica su Radio Verona Live Social, scusate per le occhiaie!!!! Non sono riuscita a dire tutto quello che avrei voluto, ma spero di aver trasmesso l’amore per questo lavoro!!!!

Sei in Viaggio!

Ecco il servizio di Matteo Taietti per Telemantova, andato in onda il 6 aprile 2018

. Sono molto felice di farne parte, si dice che non si è mai profeti in patria, e invece questa volta eccomi ^_^

Puntata Sei in Viaggio.

minuto 16.20 !!!

 

 

Primavera!

Finalmente è arrivata la Primavera, almeno sul calendario! Quest’anno la bella stagione si fa attendere, ma almeno la stagione artistica è iniziata, e non poteva esserlo se non con un elogio alla Primavera. Ho trovato questa illustrazione che mi ha colpita, inutile dire che è stato amore a prima vista, e di rimando mi portava ad una poesia di ALDA MERINI che vi ripropongo

“Spring” Gessetto su pannello

MA DA QUESTE PROFONDE FERITE USCIRANNO FARFALLE LIBERE

“O donne povere e sole,
violentate da chi
non vi conosce.
Donne che avete mani 
sull’infanzia,
esultanti segreti
d’amore tenete conto
che la vostra voracità
naturale non
sarà mai saziata.
Mangerete polvere,
cercherete d’impazzire
e non ci riuscirete,
avrete sempre il filo
della ragione che vi
taglierà in due.
Ma da queste profonde
ferite usciranno
farfalle libere.”

Primo Premio a Baltimora!

Here I am, back from my last experience in US.From 8th to 10th September, the Madonnari’s event took place in Little Italy, a cozy area of Baltimore, which is full of typical Italian bars and restaurants – I really felt like home!!After an exhausting trip, I stopped at “Germano’s” where, together a gorgeous pasta “Cacio e Pepe” (chees with pepper), the event organizer Cyd Wolf and a jazz gig were waiting for me.This cultural mix of sounds and flavors was really thrilling me!! (Eccomi di ritorno dalla mia ultima esperienza in terra Americana. Dall’8 al 10 settembre a Baltimora, nel Maryland, si è svolto l’evento dei Madonnari nel quartiere di Little Italy, e come dice il nome è appunto una zona deliziosa di locali e ambienti tipici italiani, insomma ,mi sentivo a casa!! Dopo un viaggio estenuante la prima tappa è stata nel locale di Germano, (Germano’s) dove, mangiando una fantastica pasta cacio e pepe, mi aspettava l’organizzatrice Cyd Wolf ed una piacevole orchestrina Jazz. Questo misto di saperi, suoni e culture cominciava già a piacermi!)

The night in the Germano’s Restaurant, good food….and good Music (Jazz)

The following morning, the actual event started around 11.00 a.m. After tents were settled to create sun and rain cover, we finally had chalks by the hands and were ready to start! (Il mattino seguente inizia l’evento vero e proprio, verso le 11 dopo l’allestimento delle tende per ripararci da sole e piogge abbiamo preso in mano i gessi!)

This year’s topic was “Freedom”.

I wanted to pay tribute to the “Black Mamba’s – Anti Poaching Unit”, a group of women from South Africa, who fight with weapons to protect animals from poachers.It’s a topic which I really felt mine: freedom and the life of every living being. (Il tema di quest’anno era la: libertà. Io ho voluto rendere omaggio alle Black Mamba’s – Anti-Poaching Unit, un gruppo di donne del Sud Africa che lottano armate, per difendere gli animali dai bracconieri. Un tema che sentivo molto, la libertà di vita di ogni essere vivente..)

 

My sketch for Baltimora Festival “Black Mamba’s”

People were touched and gave me very satisfying feedback. They appreciated my choice and sometimes I recognized moved sights. Afro-Americans were mostly moved, maybe because of the topic or because of my respect towards them. Even though it’s been tiring, three working days run really fast among smiles, fatigues and hugs with old and new friends. ( Ho avuto un riscontro molto emozionato e gratificante dalla gente, che ha apprezzato molto questa scelta, e a volte mi sembrava di scorgere un po’ di commozione in alcuni sguardi, soprattutto dagli afroamericani, non sono sicura se per il tema o per il rispetto verso di loro.Le tre giornate di lavoro, anche se stancanti sono letteralmente volate, tra le fatiche, i sorrisi, gli abbracci con gli amici vecchi e nuovi.)

My victory was the icing on the cake: first prize for Contemporary Arts!! ( La ciliegina sulla torta è stato vincere il primo premio nella categoria Arte Contemporanea!)

My work: “Black Mamba” Chalk on street 3×2,8 mt Photo by Sharyn R. Chan

It’s been a wonderful experience, with just a black spot due to all friends fighting against Irma hurricane. I watched the news and the images were just terrifying…( Un esperienza meravigliosa, incrinata solo dal pensiero degli amici che nelle stesse ore stavano lottando contro l’uragano Irma, seguivo i notiziari e le immagini erano terribili….)

Now I’m back home, even though my mind and my heart are still in Baltimore and will stay there for some time longer! ( Ora sono a casa, anche se la mia mente ed il mio cuore saranno a Baltimora ancora per qualche giorno!)

I’d like to thank Cyd Wolf to inviting me, under the advise of my dear friend Vera, and all sponsors: Germano’s Piattini and Cabaret; Blanc Noir Bed&Breakfast; Segs in the City; Aldo’s Ristorante Italiano; Amicci’s of Little Italy; Boston Little Italy Restaurant and Sports Bar; Cafè Gia Ristorante; Pane e vino; Chiapparelli’s Italian Restaurant; Ciao Bella Italian Restaurant; La Tavola Ristorante Italiano; Little India; Sabatino’s Italian Restaurant; Vaccaro’s Italian Pastry Shop; Tagliata and Sotto Sopra.

Many thanks also to the great artists from Florence: Francesca, Flavio and Tomo and to the new entry Andrea.

Also, big thanks to Michael Kirby, who led us through the city sightings in the few spare hours before our leaving.

(Ringrazio Cyd Wolf per avermi invitata sotto suggerimento della mia amica/collega Vera tutti gli sponsor che hanno reso possibile l’evento: Germano’s Piattini and Cabaret; Blanc Noir Bed&Breakfast; Segs in the City; Aldo’s Ristorante Italiano; Amicci’s of Little Italy; Boston Little Italy Restaurant and Sports Bar; Cafè Gia Ristorante; Pane e vino; Chiapparelli’s Italian Restaurant; Ciao Bella Italian Restaurant; La Tavola Ristorante Italiano; Little India; Sabatino’s Italian Restaurant; Vaccaro’s Italian Pastry Shop; Tagliata e Sotto Sopra.

I fantastici artisti di Firenze Francesca, Flavio e Tomo e la new entry Andrea.

Ringrazio tantissimo Michael Kirby, per averci accompagnato a vedere un po’ la città nelle poche ore rimaste prima della partenza.)

The article on Local Newspaper in Mantova: Gazzetta di Mantova 19 Settembre 2017:

Newspaper Gazzetta Di Mantova

http://gazzettadimantova.gelocal.it/tempo-libero/2017/09/18/news/la-madonnara-ketty-grossi-trionfa-al-concorso-di-baltimora-1.15871542?ref=fbfma

 

 

 

 

 

Little Italy in Baltimora

Il prossimo appuntamento Internazionale è a Baltimora, nel Maryland (Stati Uniti d’America) .Il tema è: Libertà. Un tema molto interessante che lascia spazio a molte letture. Naturalmente nella mia idea di libertà non possono mancare gli animali.
Il bozzetto è pronto, i gessetti pronti, strano … farò un bianco e nero! La cosa più difficile da entrare in valigia è il telo per proteggere i disegni !!!!
Presto per gli aggiornamenti!

The next International event is in Baltimore, Maryland (United States of America). The theme is: Freedom. A very interesting theme that leaves room for many readings. Of course in my idea of freedom can not miss the animals.
The sketch is ready, the chalk are ready , weird … I’ll make a black and white! The most difficult thing to get into the suitcase is the cloth to protect the designs !!!!
Soon for updates!

Sketch for Little Italy – Baltimora

Next Chalk Festival!!!

 

Chalk, sun, coffee, friend…nothing else!!!

*Stagione artistica col mio fantastico gruppo CCAM aperta! ✔︎
*8-9 Luglio : Blumberg Street Festival (Germany)
*10 – 16 Luglio Rhine Side Gallery Krefeld (Germany)
* 5-6 Agosto Whilelmshavem street festival (Germany)
* 14 & 15 Agosto 45 Incontro dei Madonnari a Grazie – Italia
* 19-20 Agosto – Internationale Madonnari Festival in Kevelaer (Germany)
* 26-27 Agosto – Coloured Earth Festival (UK)
*8-10 Settembre Italian Street Painting -Little Italy – Baltimora (USA)
*14-15 Ottobre – Chalktoberfest -Marietta ( USA)

Me at work.

Ashes and Snow.

Da anni sono affascinata da questo grande Artista: Gregory Colbert. Nella fotografia, come nel cinema bisogna saper cogliere l’attimo esatto, per emozionare l’osservatore. Ho deciso di rendere omaggio al suo documentario riproponendone un suo frammento.

 

Chalk and Soft pastel on paper. Faber Castell on pastelmat cm 42×30

44 Incontro dei Madonnari a Grazie – Italy – 44 International competition in Grazie – Italy

With some delay here I am with my report on the 44th Meeting of the Pavement in Grazie (Mantua – Italy). I am very close to this event, because in this scenario I saw the “Madonnari Artists” at work for the first time in my life.

As it happens every year, it took me a long time to arrange the draft. I spent nearly eight months of research, adjustments, and faced the terrible last minute changes. Though, I was certain on the subject that I wanted to represent: Santa Kateri Tekakwitha, the first Native American Saint.

Last year I’ve been invited to two festivals in the United States: The Sarasota Chalk Festival in California and Houston Via Colori in Texas. Thanks to them I had the chance to spend some days in the homeland of jazz: New Orleans. Between a song and the other, I run into a church and came across a holy card of Her portrait. It’s been a sudden flash!

I started some research on “The Lily of the Mohawks” and Her people. The “People of flint stone” is a population of Native Americans of the Mohawk Valley, the area between the north of the State of New York, the southern Quebec and the Eastern Ontario.

Like all Saints and Blessed, She had a difficult life; She was born in New York in 1656 and died in Caughnawaga (Canada) on April 17th, 1680.

She was beatified in 1980 by Pope John Paul II, and canonized on October 21st of 2012 by Benedict XVI.

During the homily on June 22nd 1980, Pope John Paul II said about her: ”

“Sweet, fragile but strong figure of a young woman who died at only 24 years, Kateri Tekakwitha, the ‘Lily of the Mohawks’ was the first Native American Saint. She truly is a daughter of Nature and Her Holiness will raise the minds and hearts of those who love Nature and the Environment”.

I created a representation as I imagined Her: strong and proud and therefore surrounded by nature and wolves, but at the same time sweet and kind as She pets one of those wolves.

The public was very curious and friendly, everybody was wondering who She was and wanted information about Her story, indeed very few knew Her; but everyone has been extremely impressed. The wolf in the foreground had a great success itself!

Then, the competition started and I felt the usual tension and panic, but I was able to produce a good job nevertheless, of which I’m still very satisfied.

The competition ended with a big surprise as I won a prize!The Bronze Medal in the category Pavement Masters was assigned with this motivation:

“Christianity connects the whole world together, as the Madonnari Art does itself. This Art is offering here a compelling work, representing the first Native American Saint, Santa Kateri Tekakwitha. She lived in the seventeenth century and was canonized by Pope Benedict XVI.In this image there’s a woman surrounded by Nature and taken by her faith: this is a strong message addressed to the current challenges of our society. “

Happy to have received the award from Hikari Miyata

 

Con un po’ di ritardo eccomi a farvi il mio resoconto sul 44 Incontro dei Madonnari a Grazie.

Sono molto legata a questo Incontro, perché è il primo in cui ho visto gli artisti madonnari,. Come tutti gli anni il mio bozzetto si è esteso per quasi 8 mesi, tra ricerche, modifiche, e i terribili cambi dell’ultima ora. Ma ero certa sul soggetto che volevo rappresentare: Santa Kateri Tekakwitha, la prima Santa Nativa Americana. L’anno scorso sono stata invitata a due festival negli Stati Uniti, il Sarasota Chalk Festival in California e Houston Via Colori in Texas. Tra i due festival mi sono regalata un breve soggiorno nella patria del Jazz, New Orleans. Tra una sonata e l’altra mi sono imbattuta in una chiesa e in un santino che la ritraeva, è stata una folgorazione!!! Ho iniziato a fare un po’ di ricerche sul ‘Giglio dei Mohawks’ , il ‘Popolo della pietra focaia’, un popolo di nativi americani originari della Valle Mohawk, zona compresa tra il nord dello Stato di New York, il Québec meridionale e l’Ontario orientale.

Come tutti i Santi e Beati ha avuto una vita difficile; nell’omelia del 22 Giugno 1980 Papa Giovanni Paolo II dice di lei: “

“ Dolce, fragile,ma forte figura di giovane Donna che morì a soli 24 anni di età. Kateri Tekakwitha, il ‘ Giglio dei Mohawks’. Prima Santa dei Nativi Americani , è una figlia della Natura.La sua Santità solleverà le menti e i cuori di chi ama la

Natura e l’Ambiente. “

Nata a New York nel 1656 e morta a Caughnawaga (Canada) il 17 aprile 1680 . Fu beatificata nel 1980 da Giovanni Paolo II e canonizzata il 21 Ottobre 2012 da Benedetto XVI

Io l’ho voluta realizzare forte e fiera, come la immaginavo, circondata dalla natura, dai lupi, ma allo stesso tempo dolce e gentile mentre, con una mano ne accarezza uno.

Il pubblico è stato molto incuriosito e caloroso, chiedendomi chi fosse, la sua storia, in pochi la conoscevano, ma tutti ne sono rimasti colpiti ( anche il lupo in primo piano ha avuto un gran successo!!!)

Poi il concorso è iniziato, ovviamente tensioni, panico, e invece sono riuscita a fare un buon lavoro, e ne sono ancora molto soddisfatta. La festa non poteva concludersi degnamente se non con un premio: Medaglia di Bronzo nella categoria Maestri Madonnari, con la motivazione:

” La cristianità collega tutto il mondo, ma anche l’arte dei madonnari che qui ci offre realizzata in maniera convincente l’opera raffigurante la prima Santa Nativa Americana, Santa Kateri Tekakwitha, vissuta nel XVII secolo e canonizzata da Benedetto XVI. Calata nella natura c’è una donna presa dalla sua Fede: un messaggio più che forte per le sfide attuali della nostra società”.

Felicissima anche di aver ricevuto il premio dalle mani di Hikari Miyata!!!!

 

 

Mantova

Thanks to an alert of a friend I made a pleasant discovery. Years ago it was published this precious volume, a collection of photographs on my beloved city: Mantova.

Author: Gianfranco Levoni (if you are interested I leave you the link to purchase: https://www.amazon.it/Mantova-Gianfranco-Levoni/dp/886462161X)

The page for the Competition of the Grazie I find my beautiful photography, shooting for which they are also very fond of, because the painting has allowed me to win between Madonnari Maestri in 2012. What can I say, I am very happy !!!!!

 

1

Grazie ad una segnalazione di un amica ho fatto una piacevole scoperta. Anni fa è stato pubblicato questo pregiato volume, una raccolta fotografica sulla mia amata città: Mantova. Autore: Gianfranco Levoni ( se siete interessati vi lascio il link per l’acquisto: https://www.amazon.it/Mantova-Gianfranco-Levoni/dp/886462161X )

Alla pagina dedicata all’Incontro di Grazie trovo una mia bellissima fotografia, scatto a cui sono anche molto affezionata, visto che quel dipinto mi ha permesso di vincere tra i Maestri Madonnari nel 2012. Che dire, sono molto felice!!!!!